Rocco's Colouring Page

sabato 10 febbraio 2018

FF Forever Family

Un layout per ricordare la visita di mia sorella e dei suoi ragazzi a Milano a fine dicembre. Passeggiate, una mostra importante che è costata loro quattro ore di coda (Caravaggio) e poi chiese e shopping. Qui siamo in sant’Ambrogio, per me e mia sorella la più bella basilica del mondo!


Sfondo: timbro cuoricioso di Tim Holtz inchiostrato con il gesso (lavare immediatamente dopo aver timbrato!) poi, una volta asciutto, Distress ink pad in due tonalità di giallo strusciato sul tappetino, spruzzato d’acqua e raccolto direttamente passandoci sopra il bazzil bianco. Et voilà: effetto resist che mi piace troppo!

A completare il tutto washi tape, qualche cucitura, un po’ di layering, fiori: tutto in toni soft, delicati, colori soffusi, volumi leggeri.

Ho embossato un pezzo di plastica trasparente (il contenitore di una fustella Sizzix) e l'ho posizionato sotto la foto come una mattatura. Con gli alcohol ink nei toni del giallo e l'apposito cartoncino, ho preparato una base da cui ho fustellato le foglie e i fiori. 


In questa immagine si vedono i cuori resist e parte della parola family di cui sono orgogliosissima, visto che l'ho scritta con la mia Parallel tronca in carattere Italico cancelleresca: devo esercitarmi esercitarmi esercitarmi, ma... mica facile su un bazzill con pois in rilievo!!!


Con la mia pagina color del sole partecipo alle sfide:
- Défi Lift de Page - Janvier 2018 su Scrap&Co Le Blog


- More than Words February 2018 Main Challenge “Forever & Heart”


Sereno week end e... - 6 giorni al Meeting Nazionale ASI 🤓

domenica 28 gennaio 2018

20 magic years

Ho un ricordo nitido di questi 20 anni vissuti con HP: ospedale di Matera, sono con mia mamma, l’ho accompagnata a fare un esame perché da giorni soffre di capogiri e disturbi alle orecchie. L’attesa è pesante, ma io leggo. Finalmente l’esame, lungo e noioso: in un angolino della stanzetta dove mia mamma è distesa (deve stare immobile) io leggo il mio librone, è quello in inglese perché in italiano uscirà solo qualche mese dopo e chi ce la fa ad aspettare?
All’improvviso il medico mi chiede cosa stia leggendo e alla mia risposta mi guarda con un’aria di compatimento come se fossi una poveraccia dalle letture insulse e lui quello che legge solo Schopenhauer, in tedesco please!
Ma che ne sa lui di Hogwarts e di Harry, Ron, Hermione? Conosce la bacchetta di sambuco e Dumbledore? Ha mai provato a preparare la pozione polisucco o la Felix felicis? E la Mappa del malandrino, la burrobirra, Expecto patronum e Wingardium leviosa not leviosaaaaa... tutte queste cose gli saranno sempre oscure, continuerà a vivere nel suo mondo babbano, non assisterà mai a una partita di Quidditch: un'altra vita!
E poi, naturalmente, non saprà mai nulla di Severus e del suo endless love ❤️ Proprio a lui, personaggio straordinario, è dedicata la mia tag


Chi conosce la storia non ha bisogno di spiegazioni, per gli altri... non serve: l’uomo in nero è il personaggio negativo della storia, il villain della letteratura inglese per sei libri e mezzo, poi... andate a scoprirlo, accadrà l’inimmaginabile.

Ho trasferito l’immagine di Severus con la Mod Podge: prima volta in assoluto, not bad! Per lo sfondo sono partita dagli Oxide, poi stencil e paint argento mescolato a un goccio di Black Soot, infine stencil ed embossing paste più Distress crayons.


Due paroline sulla cerva e la parola Always: ho rispolverato la tecnica di Mr Holtz Rock Candy Distress Glitter dal Compendium of Curiosities III e l’effetto è proprio quello che volevo, sembra polvere di stelle

Cosa aggiungere? Spero di riuscire a visitare gli Studios londinesi dei set per rituffarmi nella magia della mia saga preferita. Intanto partecipo alle sfide di questa settimana su Simon Monday Challenge Blog “Tag It” e su Frilly and Funkie “2018 - The year of...”, believe in magic are my words.

Buona serata, vi auguro un’ottima settimana, a presto!


PS - Il libro che leggevo quella volta in ospedale era Harry Potter and the Half-Blood Prince.

PS2 - Per chi volesse saperlo: il cappello parlante mi ha messo nella casa Tassorosso (Hufflepuff)

giovedì 4 gennaio 2018

Something NEW

Buon anno, buon 2018! Che sia sereno, gioioso, ricco di pace, amore, amici, creatività, buoni libri, splendidi cieli, belle persone intorno... dite che esagero? Ne parliamo tra qualche mese, intanto riprendiamo il blog in mano con una nuova pagina del mio Journal


Pagina semplice, un calendario come piace a me con i giorni da riempire di appuntamenti, messaggi, disegnini..., colori freddi, fiocchi di neve e un orologio a indicare che sì, il tempo scorre, ma ogni giorno è un nuovo inizio, perciò something new is going to happen every day


Something new come il mio proposito - unico e solo di questo inizio anno - di realizzare un journal calendario: ogni mese una pagina (o una doppia pagina come in questo caso) per giocare con i tanti tantissimi colori, fustelle, timbri che mi ritrovo e che quasi non so come usare. Ci riuscirò? Impresa titanica? E chi può dirlo! Intanto già questa volta mi sono accorta che il mio Distress paint Mermaid lagoon, ancora sigillato nella sua bella plastichina, era... secco! Sì, completamente asciutto, duro, dry😡 Ma che cavolo!!! 
Comunque, nell’attesa del corso di calligrafia, mi accontento del mio January scritto con mano tremante e tanta determinazione, di getto, senza prove, con una normalissima penna tratto sottile comprata da Muji.


Tra gli acquisti inaugurati per questa pagina, la fustella di Tim Holtz dello skyline: per i palazzi ho usato i distress paint Black soot e Iced spruce spruzzati sul tappetino, più il mica spray Brushed pewter.
Partecipo alla prima sfida dell’anno su Simon Monday Challenge Blog, il tema è “Something new
e su Scrapbookingitalia #gennaio2018, ispirata dalla mood board con neve e gelo :))

Tornando all’incipit e prendendo a prestito un verso di Gianni Rodari, vi saluto con affetto “Se voglio troppo non darmi niente, dammi una faccia allegra solamente”. Buon allegro 2018!